Navigation: Home
L'ARIETE artecontemporanea

NEWSLETTERS

VISITA LE MOSTRE ON-LINE

.


.

...

IN EVIDENZA

FRANI    YAMAMOTO    LANZI

CREMONINI SPAZZOLI BOTES

LEMEH42 MOON

.

.

OPERE DI

ONTANI  MONDINO   MONTESANO  KNAP

FRAU  SAMORì BESTER BAECHLER SALVO

JOFFE TILSON CHIA PALADINO ROUAULT

SCHADEBERG SERRANO  BROWN CUCCHI

GALLIANI  ANDERLE   CANG XIN   RIELLY

.

PROPOSTE

PELLEGRINI    MAIOLI     BISSANI

MARICONTI  BUELL  BOTTARELLI

PULINI BARICCHI EVANS POMPILI

.

.

.


.



Io danzo, tu vedi
.

E M A N U E L A   S F O R Z A

.

fotografie|a cura di MIRTA CARROLI

.

.

.

.

Luciana-Savignano-Bolero- 

.

.

opening martedi 5 maggio 2015 ore17.30 | via d'azeglio 42 bologna

sara' presente  LUCIANA SAVIGNANO

dal 5 al 28 maggio 2015|Info 348 9870574|lun giov ven sab 15.30 19.30 mar merc 15.30 17.30

Evento ideato e promosso con

.

logo-soroptimist-bologna-we

.

In mostra una selezione di immagini in bianco e nero di Emanuela Sforza che dal 1976 ad oggi ha fotografato grandi étoiles internazionali come Luciana Savignano, Paolo Bortoluzzi, Carolyn Carlson, Rudolf Nureyev, Carla Fracci, Marga Nativo, Jorge Donn, Daniel Lommel, Marcia Haydée, Antonio Gades. A Emanuela Sforza, divenuta protagonista della fotografia di danza, Maurice Béjart, ballerino e coreografo, dedichera' parole emblematiche della sua ricerca 'Io danzo, tu vedi'. La sua prima grande mostra, 'Cinderella' con Luciana Savignano e Paolo Bortoluzzi, interprete e coreografo, venne allestita nel Ridotto dei palchi del Teatro alla Scala nel 1977, nella ricorrenza del Bicentenario del teatro.

.

Ospite d'onore all'inaugurazione della mostra, ideata e promossa con Soroptimist International Club di Bolognala grande danzatrice Luciana Savignano

.

Scrive MIRTA CARROLI nel testo introduttivo alla mostra 'Per Emanuela Sforza la fotografia e' un 'atto d’amore', per lei fotografare la danza e' cogliere l'essenza, la perfezione formale dell'azione, la comunicazione, e' esternare il suo amore per l'arte e per chi la crea. La danza nasce da questo bisogno di dire l'indicibile, di conoscere l'ignoto, di essere in rapporto con l'altro ... Il suo obiettivo privilegia e scruta a fondo la fase di costruzione del balletto per individuare lo spazio creativo dell'artista teso ad ottenere dal gesto e dal movimento il massimo della resa spettacolare. Penetra profondamente in ogni espressione, quasi a 'bloccare' la figura nel momento preciso in cui modella il movimento ... Sono rigorosamente in bianco e nero le fotografie che si potranno ammirare nella mostra 'Io danzo, tu vedi' presso la Galleria L'Ariete di Bologna. Il 'suo' bianco e nero e' fortemente contrastato, con numerosissimi passaggi di gradazioni e di toni, che modulano le figure ed accentuano la plasticita' ed il movimento. La qualita' delle fotografie va anche ricercata nell'uso di diverse macchine fotografiche analogiche e dei relativi obiettivi per ottenere uno scatto perfetto. Senza dimenticare le lunghe ore trascorse da Emanuela nella camera oscura, vestale di quella fase importantissima dello sviluppo dei negativi e della stampa delle immagini fotografiche nell'acido delle bacinelle, in attesa del formarsi del bianco e nero perfetto ... Una grande cura la sua, che dalla tecnica rimbalza prontamente ai contenuti, le sue immagini non ci rendono il gesto cristallizzato nella sua perfezione formale, ma colgono l'essenza della danza.

.

EMANUELA SFORZA nasce a Serra de’ Conti in provincia di Ancona. La sua passione per il teatro la spinge a frequentarlo assiduamente come attenta testimone della vita del palcoscenico. Il suo obiettivo si posa sui grandi danzatori per fissarne la perfezione dei movimenti ma anche per coglierne il palpito profondo e risalire all’origine del momento creativo. Ha al suo attivo oltre cento mostre in ambito nazionale ed internazionale con numerosi riconoscimenti, pubblicazioni e premi. Tra le più importanti si ricordano quelle presso il Teatro alla Scala di Milano, a Palazzo Re Enzo di Bologna, all’Istituto di Cultura Italiana di Stoccarda, al Teatro dell’Opera del Reno di Duisburg, al Festival Photographique du Trégor in Bretagna e a Toronto in Canada. Collabora con la RAI per la rassegna 'Nati per la Danza'. Nel 2006 contribuisce alla realizzazione per la Camera dei Deputati di un volume celebrativo dei sessanta anni del diritto di voto alle donne. Vince nel 1986 il Premio Positano per la fotografia di danza e nel 1994 il Premio Soroptimist Club di Venezia per l’attività fotografica.

.

.

.

.

.

.

via d'Azeglio 42  Bologna

Orario:  lun giov ven sab 15.30-19.30

mar mer 15.30-17.30

 Info 348 9870574 | Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.