Willie Bester

Willie Bester

Willie Bester nasce nel 1956 a Città  del Capo, in Sud Africa.

WILLIE BESTER, uno dei più apprezzati artisti del moderno Sud Africa, uno dei piu’ ricercati da critica e mercato internazionali, ma anche un grande testimonial dell’impegno di molti per una vita migliore, soprattutto dei più deboli e dei bambini. Impegnato al fianco di Nelson Mandela in una battaglia per la difesa dei diritti della popolazione nera, ma soprattutto per trovare aiuti per i piccoli delle famiglie più povere, ancora oggi, a diversi anni dalla fine dell’apartheid, costrette nelle poverissime abitazioni delle township attorno a Cape Town o altre città , spesso nate accanto a discariche di rifiuti.

Bester si ispira proprio a questo orizzonte, fatto di montagne di oggetti buttati, appartenenti alla cultura occidentale, come vecchi transistors, giocattoli rotti, taniche di benzina, o vanghe e lamiere contorte, per darci un’immagine vera di questa realtà , in un percorso a metà  strada tra la pittura e la scultura in cui gli oggetti diventano documenti di vita, ma anche di speranza. È un archeologo del presente che scava nelle township, dove vive la popolazione nera più emarginata, ricercando tra i detriti e gli oggetti scartati tutto ciò che può raccontare e affermare una nicchia della storia africana attuale.

 

Mostre personali

2009 Goodman Gallery, Johannesburg, Sud Africa

2008 Iziko Sud African National Gallery, Città del Capo, Sudafrica

2007 Montagu Museum, Montagu, Sudafrica

2005 34 LONG, Città del Capo, Sudafrica

 

Mostre collettive

2009 34 LONG FINE ART, Città del Capo, Sudafrica

2008 SOUTH AFRICA TRILOGY, L’Ariete arte contemporanea, Bologna

2007 Rocca di Castagnoli, Biennale Internazionale d’arte Italia

2006 Tokyo, Mori Art Museum, Giappone

2005 Londra, Hayward Gallery, UK