O P E N T O U R 2 0 1 6

1 6   G I U G N O   2 0 1 6   dalle 18 alle 23

O   P   E   N   T   O   U   R            2   0   1   6

Accademia Belle Arti Bologna | Gallerie d’Arte Ascom Bologna 

OPENTOUR  apertura in contemporanea delle mostre degli studenti dell’Accademia

di Belle Arti di Bologna nelle Gallerie dell’Associazione Gallerie d’arte Ascom Bologna

 

 

Con quest’appuntamento arriva a compimento un progetto espositivo che vede coinvolta per la prima volta un’importante istituzione, Accademia di Belle Arti di Bologna, e l’Associazione Gallerie d’arte Ascom di Bologna nel valorizzare e incanalare professionalmente la creatività diffusa nell’Accademia all’interno dei luoghi predisposti al “mestiere“ dell’artista: le gallerie d’arte che svolgono la propria attività esclusivamente nelle modalità professionali. Già da alcuni mesi è stata stipulata una convenzione ufficiale tra l’Associazione Gallerie e l’Accademia di Belle Arti in modo da rendere il più istituzionale possibile il rapporto tra i due enti ed è stato chiesto ai docenti di  indirizzo di proporre un progetto espositivo alle gallerie aderenti all’iniziativa. Ogni galleria ha scelto, non solo di ospitare all’interno dei propri spazi una mostra, ma di aderire fattivamente alle proposte dei docenti seguendo in tutte le sue fasi il processo che si  sviluppa nel mettere in pratica un evento espositivo.  Questo lavoro ha permesso di mettere in piedi non tanto saggi di fine anno ma vere e proprie mostre dando così la possibilità agli studenti di entrare per la prima volta nel loro “mondo del lavoro“, nei luoghi professionali atti alla selezione, promozione e vendita dell’arte: le gallerie che si sono riunite nell’Associazione Gallerie d’arte Ascom Bologna.

 

L’ARIETE artecontemporanea  Via D’Azeglio 42  Bologna  www.galleriaariete.it

E non stiamo a guardare. Carte e terre di Nicola Amato e Paolo Migliazza  a cura di Eleonora Frattarolo | docente Storia del Disegno e Beni Culturali e Ambientali

dal 16 giugno al 30 luglio 2016

“Non stanno a guardare, e non coltivano solo lo sguardo Nicola Amato e Paolo Migliazza, due allievi dell’Accademia di Belle Arti di Bologna che non esito a chiamare “artisti”, in grado di rappresentare per mezzo di differenti linguaggi la propria visione del mondo e darle forma con accenti e versanti di delineata singolarità. Nicola e Paolo nel 2015 esposero nei Fienili del Campiaro, in Grizzana Morandi, grazie a un progetto ancora una volta promosso dall’Accademia di Belle Arti, che assieme alla Casa Studio Museo Giorgio Morandi, di cui i Fienili sono parte, diede loro l’opportunità di allestire una complessa, bellissima mostra a cura di Stella Ingino, all’interno di un vasto evento espositivo con la mia direzione artistica. Oggi nella galleria L’Ariete artecontemporanea i nostri due ritornano a dialogare tra carte incise e dipinte e sculture e terre, con la presenza di una colonna sonora, come sempre creata appositamente nelle loro installazioni a quattro mani, e dalla musica, grande passione per entrambi, proviene quel ritmo che scandisce i percorsi dei loro linguaggi e mezzi espressivi. Il mondo dell’infanzia sul limite della presenza e dell’oblio narrato da Paolo, nelle stanze dell’Ariete guarda stupito e immobile i vortici e i sommovimenti dello spazio e del tempo che si irradiano dalle incisioni di Nicola. E vorrei rammentare che sono giunti fin qui dopo avere vinto, tra l’altro, Paolo, quest’anno, il premio Zucchelli, e Nicola la prima edizione del premio Roberto Daolio nel 2014 e il premio Gorlago nel 2016.”  Eleonora Frattarolo