Georges Rouault

Rouault Georges. – Pittore e incisore (Parigi 1871 – ivi 1958).

Dopo un apprendistato presso un restauratore di vetrate (1885-90), fu allievo di E. Delaunay e poi di G. Moreau, nel cui studio incontrò Matisse, Marquet e altri, coi quali formò poi il gruppo dei fauves. La sua pittura, violentemente espressiva, si ispirò in un primo tempo a ideali sociali, poi religiosi. L’influenza di Toulouse-Lautrec, inasprita però da una più acre volontà di denuncia della miseria umana, caratterizza le opere della prima fase, per lo più figure di pagliacci e di prostitute tracciate con forti segni scuri e colori bassi e intensi (Ragazza allo specchio, 1906, Parigi, Musée national d’art moderne; Cuoco, 1914, New York, Museum of modern art); nella seconda fase, religiosa, predomina l’influenza dell’arte romanica e gotica: i grossi contorni neri e la trasparenza dei colori danno a queste opere l’aspetto di vetrate (Parigi, Musée national d’art moderne: Sacro volto, 1933; Fuga in Egitto, 1946; ecc.). L’ideale religioso di R., affine a quello di scrittori cattolici come L. Bloy, si esprime, non meno che in pittura, nelle mirabili litografie, dove il segno è anche più espressivo nella tonalità uniforme dei grigi e dei neri. Notevole, fra tutte, la serie del Miserere.