Navigation: Home Artisti PELLEGRINI Simone
PELLEGRINI Simone



PELLEGRINI-SimoneVolW
Simone Pellegrini   'Vol'



Simone Pellegrini è natonel 1972 ad Ancona.

Nel 1999 si diploma in pittura presso l'Accademia di belle Arti di Urbino. Vive e lavora a Bologna.

 

   

.

.

Pellegrini_Simonr_Ornamento_Ariete

Simone Pellegrini  'Ornamento'

.

.

2017

.

"Dishonesti corpi" Teatro San Leonardo, Bologna in occasione di ArtCity a cura di Artierranti
ArteFiera Bologna, Galleria Cardelli&Fontana, Montoro12

.

2016

.

"Dans la chambre du silence" libro d'artista, Editions Fata Morgana, testo di Joël Claude Meffre
"Drawing storage" a cura di Giovanna Sarti, Online su drawingstorage.tumblr.com
Salon International Livres Rares, Grand Palais Parigi, Galerie Bordas
"L'arca dell'arte" a cura di U.Palestini, Rocca Ubaldinesca, Sassocorvaro.
"India" , Gallery of Art Temple University ,Roma. a cura di Manuela De Leonardis
XLIX premio Vasto d'Arte Contemporanea: Archeologie a venire - Metamorfosi dall'antico e del classico nell'arte contemporanea italiana, a cura di Silvia Pegoraro, Vasto (CH).
Simone Pellegrini-Gustav Seitz, Hachmeister Galerie, Münster (D)
Le stanze della Meraviglia, a cura di Eleonora Frattarolo, Rocchetta Mattei (catalogo)
"Una visione italiana" Galleria Montoro12, Roma
"Do ut do" Pinacoteca Nazionale Bologna
Come closer, a cura di Mario Casanova, Cact di Bellinzona (CH)
ArtVerona, Galleria Cardelli&Fontana
Anni zero, a cura di Alberto Dambruoso, Temple University, Roma
ArteFiera Bologna, Galleria Cardelli&Fontana,Galleria Montoro12
YIA Artfair-le Carreau du Temple, Parigi Galleria Montoro12

.

2015

.

"Soit 10 ans, état énterieurs" Galerie Christian Berst art brut, Paris (catalogue)
"Non esistono oggetti brutti" a cura di T. Zakopoulos e A.Zanchetta, Galleria Bianconi Milano
"The trip" Galerie Hachmeister, Münster, Germany
#BoCS# Residenza artistica a cura di Alberto Dambruoso, Cosenza.
"Notre avenir est dans l'air" a cura di Fabio Carnaghi, Antiquarium Alda Levi,Milano
"Hotel Universo nella notte transluminosa" a cura di Valentina Lacinio, Palazzo Michiel Venezia (catalogo)
"Italia Docet" 56 Biennale di Venezia,evento collaterale a cura di L.Rotatori , Palazzo Barbarigo Minotto,Venezia (catalogo)
"Narr" Werkstatt Galerie, Berlin
"Neomigjeniane" a cura di Artan Shabani,Galeria Kombëtare e Arteve, Tirana
"Lo spazio del segno" a cura di A.Rubini,Palazzina Azzurra, San Benedetto del Tronto
"Macrocosmi", Altes Postfuhramt West, Berlin
ArtVerona, Galleria Cardelli&Fontana, Galleria Montoro12
"La selva oscura" Museo il Correggio,Correggio a cura di M.Fontanesi (catalogo)

.

2014

.

Biennale del Disegno, Musei Comunali, Rimini, a cura di M. Pulini
"L'eterno ritorno", Galleria Bonioni Arte, Reggio Emilia
"Imago", Museo della città, Chiari (BS)
"Stillare", D406 arte contemporanea, Modena
"U liotru", Catania Art Gallery, Catania, a cura di A. Romani Brizzi
"Dessin art fair", Galleria Bonioni Arte, Atelier Richelieu, Parigi
"Lacruna", Fondazione l'Arca, Teramo.
"Lacruna", Casa natale di Raffaello, Accademia Raffaello, Urbino
"L'Orlando furioso" a cura di S.Parmiggiani, Palazzo Magnani,Reggio Emilia (catalogo)

.

2013

.

"Nell'acqua capisco", 55. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia - Evento collaterale, Ateneo Veneto e Procuratie Vecchie, Venezia
LXIV° Premio Michetti, "La bellezza necessaria", Francavilla al Mare
" L ' enigma di Isidore Ducasse " , Villa Santini, Verona a cura di Patrizia Silingradi, Sonia Schiavone e Stefano Rovatti
"Magnitudo", Museo d'Arte Contemporanea di Lissone, Lissone, a cura di A. Zanchetta
"(P) (P)arerga & (P)aralipomena della (P)ittura", Bonelli Lab, Canneto sull'Oglio, a cura di A. Zanchetta
"Painting and Drawing on Paper", Hachmeister Galerie, Münster, Germany
"Altrove - luogo o poesia", Catania Art Gallery, Catania, a cura di B. Buscaroli
"La Lettura. 100 copertine d'autore", Triennale di Milano, Milano, a cura di G. Colin
" Stroma superiore " Spazio Dante 14, Milano

.

2012

.

"Aus Passion", Museum Kunstpalast, Dusseldorf
"Devasti", far - fabbrica arte rimini, Rimini, a cura di Walter Guadagnini
"V Premio Fondazione VAF", Stadtgalerie, Kiel
"V Premio Fondazione VAF", Museum Biedermann, Donaueschingen (Germania )
"V Premio Fondazione VAF", CIAC - Centro Internazionale per l'Arte Contemporanea, Castello Colonna, Genazzano (RM)
ArteFiera Bologna, Galleria Cardelli&Fontana, Galleria GiacomoGuidiMG Art
"A long time ago, in a land far, far away...", John Jones Exhibition, Londra

.

2011

.

"Fondamentum Artis", UniCredit Private, Bologna, a cura di Raimonda Bongiovanni
"Never talk to strangers", Edel Assanti Gallery, London
54. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia - Padiglione Italia, Arsenale, Venezia
" Premio Vasto " LXIV Edizione,a cura di Sandro Parmiggiani. Vasto, Scuderie Palazzo Aragona

Simone Pellegrini, Museo di Villa Wessel, Iseriohn (Germania)

   

2010

   

Selvatico Spore. Uno, a cura di M. Fabbri, Pescherie della Rocca, Lugo di Ravenna

JUS. Il Giusto nel suo mondo, Galleria Cardelli & Fontana, Sarzana, Galleria Giacomo Guidi, Roma

Crossover, Hackmeister Galerie, Munster (Germania)

Pagine da un Bestiario Fantastico, a cura di S. Ferrari, S. Goldoni, F. Gualdoni, Galleria Civica di Modena, Modena


2009

   

Agalmata, a cura di F. Baboni e S. Taddei, Musei Civici e Galleria Bonioni Arte, Reggio Emilia

   

2008

   

Set Theory, Hachmeister Galerie, Münster, Germany

Carta bianca, Kgallery, Legnano (Mi)

9 ° Premio Cairo, Museo della Permanente, Milano

Simone Pellegrini-Luca Caccioni,Galerie Fabrice Galvani, Toulouse (F)

Qualcosa di personale, a cura di A.Cammisuli e C.Compalati, Palazzo della Borsa, Genova

Biennale Roncaglia, a cura di Vittoria Coen, Rocca Estense, San Felice su Panaro (Mo)

Mediterraneo, a cura di Marco Filippa, Galleria En Plein Air, Pinerolo(To)

Mengenlehre, Hachmeister Galerie, Münster, Germany

Generazioni a confronto, a cura di Luca Panaro, Officina delle Arti, Reggio Emilia

 

2007

Corale, a cura di Sabrina Foschini e Massimiliano Fabbri, Palazzo Sforza, Comune di Cotignola

Ritratto di un quadro, a cura di Flavio De Marco e Sandro Sproccati, LIBRA Arte Contemporanea, Catania

Pena Corporale, Galerie Goethe 2, Bolzano

Sine Die, a cura di Alberto Zanchetta, Museo d'Arte Contemporanea, Gibellina (TP)

Drawings 1914-2007. From Ensor to Pellegrini, Hachmeister Galerie, Münster, Germany

Zeichnungen, Collagen, Fotografien, Galerie Biedermann, Munchen, Germany

Simone Pellegrini, Galleria Spazio Mazzotta, Milano

Arte Fiera, Bologna, Galleria Cardelli & Fontana

MiArt, Milano, Galleria Cardelli & Fontana

Art(Verona, Verona, Galleria Cardelli & Fontana

ArtCologne, Hachmeister Galerie, Münster, Germany

ArtCologne Palma de Mallorca 2007, Hachmeister Galerie, Münster, Germany

 

2006

Fovee, D406 arte contemporanea, Modena

Blasoni, 41 arte contemporanea, Torino

Pellegrini-Baricch. Spezzare il tetto della casa, Galleria Traghetto, Roma

Stille, Hachmeister Galerie, Münster, Germany

Isolari, testi di Alberto Zanchetta e Sabrina Foschini, Galleria L'Ariete artecontemporanea, Bologna

Fe-Male, Galleria L'Ariete artecontemporanea, Bologna

Porte aperte, Galleria delle Battaglie, Brescia

Collezione Artan Shabani, National Gallery of Arts, Tirana, Albania

Galleria Iris Shkoder, Albania, a cura di Artan Shabani

Arte Fiera, Bologna, Galleria Cardelli & Fontana

MiArt , Milano, Galleria Cardelli & Fontana

Artissima, Torino, Galleria Cardelli & Fontana, Galleria 41 artecontemporanea

Art(Verona, Verona, Galleria Cardelli & Fontana

 

2005

KRN, a cura di Marco Meneguzzo, testi di Marco Meneguzzo, Jonny Costantino, Alberto Zanchetta

Galleria delle Battaglie, Brescia

Trenta Moggi, Galleria Sergio&Thao Mandelli, Seregno (MI)

Premio Pascucci, a cura di Cristina Marabini e Dede Aureoli, Monte Cerignone, Urbino

Serrone Biennalegiovani 05, a cura di E. Krumm e A. Montrasio, Villa Reale, Monza

II Biennale Don Primo Mazzolari, Bozzolo (MN), a cura di Mauro Corradini. [catalogo]

Il ritorno inesistente, a cura di Tiziana Conti, Chieri (TO)

Cuori selvaggi, Fondazione di Ca' la Ghironda, Zola Predosa (BO) e Palazzo del Podestà , Rimini

Presenze, Galleria Cristina Busi, Chiavari (GE).

Artissima, Torino, Galleria Cardelli & Fontana, Galleria 41 artecontemporanea

Art(Verona, Verona, Galleria Cardelli & Fontana

Arte Fiera, Bologna, Galleria Cardelli & Fontana, Galleria 41 artecontemporanea

MiArt, Milano Galleria Cardelli & Fontana

 

2004

I muschi del sentiero, testi di Ivan Quaroni, Sandro Parmiggiani, Luca Cesari, Bonioni arte, Reggio Emilia

Aperture, Rassegna internazionale d'arte G.B.Salvi, Sassoferrato (AN)

Allarmi, a cura di Ivan Quaroni, Caserma De Cristofori, Como

Cauda Pavonis, a cura di Alberto Zanchetta, Andrea arte contemporanea, Vicenza

Presepi, Galleria Cristina Busi, Chiavari (GE)

Animalia, Galleria Forni, Milano

Riparte Genova, Galleria Cardelli & Fontana, Sarzana (SP)

Matinèe, a cura di Alberto Zanchetta, Galleria NinaPì, Ravenna                                                  

 Arte Fiera, Bologna, Galleria Cardelli & Fontana

 MiArt, Milano, Galleria Cardelli & Fontana

Artissima, TorinoGalleria Cardelli & Fontana

 

2003                                      

Rovi da fare calce, a cura di Flaminio Gualdoni, Galleria Cardelli & Fontana, Sarzana (SP)

Pandemonio, Galleria Carloni spazioarte, Francoforte

Leporie, testo di Franco Fanelli Galleria 41 artecontemporanea, Torino

Premio Lissone 2003, Civica Galleria d'Arte Contemporanea di Lissone (premio acquisto).

Artissima 2003, Torino,Galleria 41 artecontemporanea

Incidere, Rocca Malatestiana Montefiore Conca (PU)

Wulbari, Galleria En Plein Air artecontemporanea, Pinerolo (TO). Con il patrocinio di Regione Piemonte, Provincia di Torino ed Istituto Italiano di Cultura di Barcellona

MiArt 2003, Milano, Galleria l'Affiche

 

2002

Carte Barbare, testo di Marinella Paderni, Galleria L'Affiche, Milano

 

 

 

Sayr

 

 

 simone pellegrini 2009 carboncino e pigmento su carta

 Illuminatrice 2009 (particolare)

 

 

Opening     Venerdi 3 Aprile 2009       Ore 18

Via D'Azeglio 42 Bologna    

 

 

Seconda personale a L'ARIETE artecontemporanea di Simone Pellegrini, una delle voci più originali della ricerca contemporanea, apprezzato in Italia e all'estero.

Nato ad Ancona nel 1972, dopo avere frequentato l'Accademia di Belle Arti in Urbino, si stabilisce a Bologna. Numerose sono le sue presenze in sedi private e pubbliche. Fra le testimonianze critiche più recenti, gli scritti di Alberto Zanchetta, Flaminio Gualdoni, Marco Meneguzzo, Franco Fanelli, Ivan Quaroni, Sabrina Foschini. Creatore di opere in cui si uniscono disegno, pigmenti, impressioni su carte - anche di grandi dimensioni - Pellegrini attinge da antiche culture atmosfere arcaiche e le anima di uno spirito contemporaneo e di complesse citazioni e riferimenti culturali. Il titolo della mostra Sayr è tratto dal persiano e indica il cammino del mistico verso la luce. L'artista scrive della propria ricerca:

 

... Queste sono forme che, metamorfosando, hanno smarginato la storia per riguadagnare la geografia. In questo ampliamento di campo, nel collasso del tempo, l'organico cede alle sue ultime tentazioni e guadagna in potenza. Esso ci appare ulteriore in ogni sua declinazione e sempre meno appagato guadagna via via il suo deserto. Nel luogo arido in cui persino la volonta' ha rinunciato a seguirlo, sull'orlo definitivo di un richiamo elementare, lo vediamo fiorire sempre e di nuovo proprio dove gli sarebbe piu'opportuno tacere. Cosi`complicato, divenuto capace addirittura di fecondare a distanza, si e` fatto trappola di luce per un inatteso, sopraggiunto, gusto di sintesi . Sayr e' un viatico che va dalla deposizione parziale allo sviluppo esponenziale di quanto sopravvive ad ogni mancamento in maniera estatica.  

Simone Pellegrini            

 

"Con tanto sole nella memoria, come ho potuto puntare sull'assurdo?"

Dai 'Saggi solari' di Albert Camus

 

 

 

S I M O N E   P E L L E G R I N I

'i s o l a r i'

a cura di
Alberto Zanchetta


Opening   Sabato 11 marzo 2006   Ore 18
Catalogo con testi di
Alberto Zanchetta e Sabrina Foschini
11 marzo / 30 aprile 2006

 

Prima personale a Bologna di Simone Pellegrini, una delle figure più originali della giovane ricerca contemporanea. Nato ad Ancona nel 1972, dopo avere frequentato l'Accademia di Belle Arti in Urbino, si stabilisce a Bologna. Numerose sono le sue presenze in sedi private e pubbliche. Fra le testimonianze critiche più recenti, gli scritti di Alberto Zanchettta e Sabrina Foschini - che introducono il Catalogo monografico edito per l'occasione - Flaminio Gualdoni, Marco Meneguzzo, Franco Fanelli, Ivan Quaroni. Colto e non convenzionale creatore di opere in cui si uniscono disegno, pigmenti, impressioni su carte, anche di notevoli dimensioni, Pellegrini attinge da antiche culture atmosfere arcaiche e le anima di uno spirito moderno e vitale, che cattura pubblico, critica e il collezionismo più attento.

 

La mostra porta il titolo di 'Isolari', termine che anticamente indicava libri composti di carte geografiche in cui, prima dell'avvento dell'atlante, veniva descritto il globo terrestre.

 

Dagli isolari si evince la descrizione di emergenze terrose private di quel rapporto di contiguità  con le terre limitrofe che sarà  proprio della visione rinascimentale. E' il mare, primordiale elemento, a trattenerle dal fondersi con quanto di altrettanto arso e rappreso ha fatto la sua comparsa altrove. Questa visione parziale tende al frammento piuttosto che alla continuità , predilige la focalizzazione dei luoghi alla percorribilità  dello spazio, volge il proprio sguardo non a ciò che avanza, ma a ciò che originariamente affiora. Ed è proprio l'affiorare, da memorie storiche primitive, o dal fondo di un inconscio collettivo depositario di comuni archetipi e istinti naturali, il senso forte delle grandi carte e dei frammenti su cui l'artista interviene con segno sicuro, di naturale durezza e nitore.

 

Ricche di fascino ambiguo, di una selvaggia sensualità , venata in filigrana da una moderna e   distaccata ironia, le grandi carte in mostra di Simone Pellegrini ci faranno incontrare questo cercatore di tracce di un passato archetipico, i cui segni arcaici, riti, rappresentazioni sono al contempo graffiti rupestri e testimonianze dell'uomo attuale, isola in cui istinto e ragione continuano incessantemente a vivere la loro vicenda. Ora come allora.

 

 

 

F E / M A L E . Identità  del corpo

11 Febbraio / 9 Marzo 2006

 

 

 

  'FE/MALE. Identità  del corpo', una mostra e insieme un percorso attraverso il tema attualissimo dell'identità  maschile/femminile e relative deviazioni, ibridazioni, 'con-fusioni' sessuali, argomento fra i più delicati e controversi del dibattito culturale, etico, scientifico dei nostri giorni.

 Attraverso una selezione di opere di artisti di cui la galleria L'ARIETE artecontemporanea di Bologna ha presentato la ricerca in più occasioni negli ultimi anni e, in alcuni casi, grazie alla creazione specifica di lavori su questo tema, la galleria intende offrire immagini e spunti per una lettura trasversale del contemporaneo. E, al contempo, presentare una selezione di opere significative delle tendenze più attuali del mercato non solo nazionale. Artisti ricercati dal collezionismo che sono anche testimoni attenti, a volte precursori, della complessità  del presente.

 In mostra opere scelte incentrate sulla figura femminile e/o maschile nella visione poetica e tecnica di artisti significativi di tendenze ed esperienze culturali diverse in Italia e all'estero. Dalla figurazione colta e raffinata di Knap, Montesano, Galliani, Pulini, Rodkine, Alinari, Rontini al segno forte e aggressivo dei corpi di Buell, o di Chantal Joffe, alle vive immagini dalle township sudafricane di Bester, fino alle stratificazioni tecniche ed anatomiche di Samorì e alle visioni nordiche delle incisioni di Anderle. Dalle variazioni fra fotografia, fumetto internazionale e illustrazione d'autore di Consorti, De Montmollin, Bissani, Botes, Vinci fino alle metafore sessuali sole/luna in Tilson e al linguaggio simbolico, ricco di evocazioni arcaiche e riferimenti psicanalitici, di Brown, Paladino, Chia, Ceccobelli, Pellegrini. Chiudono la mostra i volti enigmatici, di ambigua e inquietante compostezza, delle 'trance' di Greta Frau.

 

Opere di

Luca ALINARI     Jiri ANDERLE     Willie BESTER     Roberto BISSANI     Conrad BOTES James BROWN   BUELL   Bruno CECCOBELLI   Sandro CHIA   Paolo CONSORTI Greta FRAU     Omar GALLIANI     Chantal JOFFE     Jan KNAP     Gian Marco MONTESANO   Gabriele deMONTMOLLIN   Mimmo PALADINO Simone PELLEGRINI Massimo PULINI Iury RODKINE Aldo RONTINI Nicola SAMORI' Joe TILSON Vanna VINCI

 



' C U O R I   S E L V A G G I '

progetto culturale itinerante

 

cuori selvaggi locandina

BUELL   ALESSANDRO LA MOTTA

GIOVANNI   MANFREDINI

SIMONE   PELLEGRINI       NICOLA   SAMORI'

 

 

 5 / 27 febbraio 2005

 

FONDAZIONE DI CA' LA GHIRONDA

Centro d'arte contemporanea   Giardino della scultura europea

Via Leonardo Da Vinci, 19 40069   Ponte Ronca di Zola Predosa (Bo)

Tel.0039 051 757419 - Fax 0039 051 6160119   E-mail : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   -   www.ghironda.it

 '¦

8 ottobre / novembre 2005  

 

COMUNE DI RIMINI

SETTORE CULTURA - MUSEI COMUNALI

PALAZZO DEL PODESTA'

Piazza Cavour   47900 Rimini Tel. 0039 0541 55414

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.comune.rimini.it

 

 Con il Patrocinio di

 REGIONE EMILIA-ROMAGNA

 

  Un progetto espositivo che riunisce cinque fra i più significativi artisti della ricerca contemporanea,   quattro italiani, ma già  conosciuti anche all'estero e un francese che da anni è presente anche sulla scena nazionale.   Un percorso per immagini, pensieri, suggestioni attraverso il sentimento di sè e dell'altro vissuto in modi diversi, ma sempre con vibrante intensità  e profonda autoanalisi. Un sentimento lacerato, aggressivo, sensuale della corporeità  maschile e femminile nel francese Buell, artista dalla vicenda umana tormentata, che ha trovato nel linguaggio pittorico una espressione straordinariamente diretta e forte. In Alessandro La Motta, la riflessione sul senso delle cose si coniuga alla parola, in un dialogo poetico incessante con gli autori del novecento e i poeti contemporanei che lo hanno ispirato, in opere di affascinante complessità  in cui parola e figura si disegnano vicendevolmente. Giovanni Manfredini dipinge altresì con il suo stesso corpo, impresso dolorosamente ed enigmaticamente sulla superficie dell'opera, che risulta specchio e parte integrante dell'autore. Ricche di fascino ancora le grandi carte di Simone Pellegrini, cercatore di tracce di un passato archetipico in cui segni arcaici, riti, rappresentazioni sono al contempo graffiti rupestri e testimonianze dell'uomo attuale, continuamente nuovo e insieme uguale a sè stesso. Infine Nicola Samorì con le sue icone del presente, disegnate, incise, dipinte con tecnica e grandiosità  classica. Figure, volti velati da un misterioso silenzio, da mani che ne impediscono la totale visione, da un distacco che richiama il senso di smarrimento dell'uomo contemporaneo di fronte alla profondità  del proprio essere interiore ed al perenne tema dello svelamento di sè.
Una mostra dedicata ad una parte di noi, quel cuore selvaggio che consente da sempre all'uomo, e ancor più agli artisti, di esistere, di vivere fisiologicamente ed emotivamente la propria vicenda, di sfidare ciò che neppure si manifesta, trovare in sè un senso delle cose e tentarne la rappresentazione.

Coordinamento Rosanna Bevar      

 

 

Sabrina Foschini

La concia tatuata

 

  Le superfici di carta incollata di Pellegrini sembrano pelli scuoiate, rimandano alla carta-pecora delle miniature che raccoglie colore e sporco nei pori, nell'invaso dei bulbi. E come pagine miniate ospitano bestiari favolosi, o improbabili giudizi universali, dove animali e uomini si spartiscono l'orizzonte e dove trovano salvezza le 'divaricate', simboli di donna rubati a Carol Rama con le gambe aperte e il sesso offerto, da cui fioriscono teste partorite o ritrovate. Il foglio si forma come un abito rammendato, un primordiale vestito d'Herlequin con le toppe dei disegni che ricompongono il racconto di una favola crudele, con gli aloni dell'olio e gli acidi della concia, con un fiorire di grumi di colore come muffe e licheni, o le carie tenaci della roccia. Il campo steso della carta, porta incisi, strappati e poi giuntati da un lavoro paziente di sutura, i singoli frammenti, gli appezzamenti di terra disegnati nella planimetria, gli organi presi a prestito da un laboratorio di Frankenstein, o le singole isole, gli Isolari appunto, in cui un mondo orizzontale era diviso e raffigurato, prima dell'invenzione degli atlanti.

 

  I simboli si assommano nello stampo ripetuto, nel paziente lavoro di tatuatore che persegue il ricordo di un'araldica personale e perduta. Il nero del carbone passa, grazie all'olio di papavero, da una carta all'altra come il bacio di una bocca unta di grasso. È un solco inciso sull'epidermide quasi organica del foglio, come una cicatrice ornata d'altri segni, una pittura di spavento sulla pelle dei guerrieri, o la poesia tracciata direttamente sul corpo amato, dalla scrittrice de 'I racconti del cuscino' di Greenaway.

Il nero nasce dalla carbonizzazione delle piante, e l'olio, dai semi del più tenace e fragile dei fiori.

  Con loro i ricordi della natura si danno convegno sul lenzuolo di carta, sudario di un mondo antico e futuro. Ma anche ricordi di caverne e miti, dove il corpo del dio smembrato dalle baccanti è sparpagliato al suolo perchè faccia rifiorire la terra. Dove uomini, cose e animali si ibridano nel gioco di mescolare le parti, di dare vita a esseri mitologici, che contengano nuclei dell'uno e dell'altro. Dove anelli danteschi e medioevali contengono sciami di uomini in volo, o in fiumane dense; arnie di persone che coltivano la loro cella e strade disegnate come vene, percorsi sanguigni che si diramano in alberi genealogici, in arbusti infuocati, in uteri e mandorle, che ospitano una figliolanza divina e selvatica. La carta è una Veronica, dove il sudore ha impresso i tratti del Volto, una sindone di molti martirii ed è allo stesso tempo il crocevia della mistica morbosa (che portava Teresa D'Avila a mescolare immondizia al suo cibo) e dei riti barbarici di fertilità  e iniziazione sessuale. È una mappa appesa che traccia le coordinate di luoghi irraggiungibili, atlantidi sotterranee e isole del tesoro.

 

  Queste opere negromantiche di Pellegrini sembrano sinopie ricavate dall'intonaco di rocche penitenziarie, entro cui i prigionieri hanno inciso con la punta di un chiodo, i loro disegni di privazione e libertà . Ricordano la fucina di Vulcano dove un dio zoppo bistrattato dall'Olimpo, ottiene in ricompensa per la sua maestria di fabbro, la mano riottosa della dea più bella. Recano annotazioni scarnificate di paesaggio, con foreste fossili che danno materia al disegno e l'indicazione in sezione di tane d'animali scavate nella terra, dove brulicano uomini, per metà  bestiali e per metà  eletti, cresciuti come seguaci di Priapo e allattati in fasce, dalle lupe.

 

 

Flaminio Gualdoni

Per Simone Pellegrini

 

  Sono come sinopie combuste, tracce d'un epos altrimenti aggraziato, tra sapore di fresco popolare e filigrane di mito sorgivo.

 Simone Pellegrini sceglie di lavorare così, a partire da frammenti iconografici i quali sono in realtà  nuclei di un figurare che potrebbe declinarsi ampio, ove accogliesse i protocolli della retorica, ma che si compie così, per sintesi estrema e generazione prima, in una traccia che è, in sè, senso compiuto e già  frammento.

 Nel tempo, tra fogli minimi e impressioni - ma si deve dire, in realtà , di impronte: ed è curioso, in quest'epoca, parlare di matrix'¦ - su quelle grandi carte che valgono, lo ha ben indicato Fanelli, palinsesti, Pellegrini va tramando una tutta sua storia generale dei gesti essenziali, e delle forme prime d'un naturale non ancora filtrato dalla pulcrizzazione intellettuale.

 Uomini, donne, animali, alberi; soprattutto, territori marcati come spazi di senso, chiostre d'alberi oppure quadrati dimora entro cui i singoli corpi, le singole azioni, si fanno destino, e relazione, storia infine. Oppure teorie, svolgimenti che avverti illimiti, già  in odore di fregio continuo a marcare, remitizzare, un'altra dimora, uno spazio concreto e implicitamente sacrato di vita.

 Questa essenzialità , questo valore primario, bruscamente antiretorico, fa del disegno la lingua unica possibile. Un disegno turgido, beninteso, che s'impregna di noir matière e d'una fisiologia della traccia che ne dice la fragranza organica, impregnata 'di sudore, di sperma, di sangue' (così, alla Genet, a suggerire una radice maudite ben percepibile) e di un colore che si deposita appena, sedimento inestetico, vagamente digrignante, sostanza mai pelle.

 Avverti, di questo disegno, la facoltà  di dipanarsi sottile, e di farsi portatore d'un gusto; ma da subito, anche, il sospetto della grazia facile, del meretricio sensibile. Disegna, Pellegrini, come accumulando, e nel tempo scandito, a sua volta storico, della costituzione dell'immagine, continuamente sottraendo: da qui quel suo lavorare per impressione di frammenti alla prima paratattica, poi via via sempre più orientata verso un logos introverso di spazio, di narrazione.

 Vuole avvertire la pienezza fastosa, in fervida contaminazione, dell'eros fabrile, Pellegrini, ma subito farla transitare ad altro, a una carnalità  sospesa che sta tutta entro la partitura di quella visione grande, e che nei suoi modi ritratti, quasi riottosa, infine racconta.  




Marco Meneguzzo

KRN

 

  KRN è la radice di una parola indoeuropea. Come sempre accade, le vocali - mai indicate nelle scritture antichissime - e il contesto determinano il significato delle numerose parole che da quella radice derivano. Una combinazione relativamente semplice genera dunque molte altre combinazioni che tuttavia sono collegate tra loro non solo da quell'aspetto fonetico, ma soprattutto da un legame di significato, perchè tutte le parole con quella radice, anche quando i contenuti sembrano non avvicinabili tra loro, sono invece riconducibili a una stessa sfera di significato.

  Più o meno quel che Simone Pellegrini vuole accada alla sua pittura.

  Tutta questa premessa, infatti, non serve soltanto a dimostrare che Pellegrini è un artista colto, molto colto (il titolo, per esempio, è suo...), ma a stabilire un'analogia forte tra il proprio orizzonte culturale e le opere che da quello scenario scaturiscono.

  Primo passo. Rifarsi all'origine del linguaggio è un'opzione estremamente chiara. In questo senso Pellegrini vuole essere 'originario', più ancora che 'antico', e per questo costruisce immagini che sono sempre grandi narrazioni mitiche ed epiche, basate su un modello narrativo per la gran parte mutuato dall'antichità  preclassica, mesopotamica o egizia: non a caso, infatti, le caratteristiche della sua narrazione pittorica sono l'iterazione rituale e una concezione dello spazio-tempo assolutamente simbolica, quali si trovano nei bassorilievi di Ur, di Ninive o di Luxor. La narrazione si dipana sempre grazie a figure tutte uguali, riprese in atteggiamenti cerimoniali, e immerse in un 'paesaggio' (non trovo altri termini, benchè questo suoni troppo naturalistico alle nostre orecchie) i cui parametri spaziali non rispondono assolutamente a visuali prospettiche, quanto a visioni metaforiche. Per accentuare la sensazione iterativa, Pellegrini non dipinge le sue figure, ma le imprime - secondo la tecnica del monotipo - sulle sue grandi carte, come il cilindro di pietra imprimeva i suoi caratteri cuneiformi sulle tavole d'argilla: in questo modo, tra l'altro, la figura perde espressività  propria, ma acquista una 'tipologia' condivisa con tutte le altre figure nello stesso atteggiamento, nella stessa postura; con la stessa intenzione di recupero di un significato originario, che vada al di là  del visibile realistico, la scena dell'avvenimento ci appare fortemente astratta, l'elemento naturale è ridotto a pattern decorativo-simbolico - l'acqua è un segno sinuoso, l'albero una visione schematica, spesso vista come se fosse 'in pianta', mappe e alzati si trovano sullo stesso piano -, e i luoghi non sono soltanto dislocati nello spazio, ma anche nel tempo, per cui, alla stessa stregua di certi affreschi trecenteschi ( o delle già  citate narrazioni antiche), il luogo è ripetuto perchè le scene che vi si svolgono avvengono a distanza di tempo; anche della narrazione possiamo dire poco, se non che si tratta proprio di narrazione: come non sappiamo distinguere a quale santo appartenga quel particolare attributo nella pittura bizantina, o quale grado abbia quel funzionario regale nello Stendardo di Ur, ma, affascinati, comprendiamo di trovarci di fronte a un codice preciso e inoppugnabile, così nelle opere di Pellegrini all'inizio ci sfugge il particolare, eppure sappiamo di trovarci di fronte a una cosmogonia razionalmente sconosciuta, ma emotivamente riconosciuta, a una narrazione assolutamente chiara, se solo conoscessimo la 'chiave' di lettura. Di più, anche lo stesso supporto che Pellegrini usa - grandi carte giallastre, 'da spolvero' -, nelle sue irregolarità , nelle slabbrature dei margini, nella sostanziale monocromia del tutto - giallo, nero e qualche tocco di rosso, che è sempre sangue o fuoco, elementi originari anch'essi...-, suggerisce quel senso di antico, di profondo, di fondante che è all'origine di ogni 'big bang' del linguaggio.

  Secondo passo. Ci troviamo di fronte, allora, a una sorta di archeologia dell'immagine, di neoarcaismo? Non credo. A ben guardare, ogni elemento dell'opera di Pellegrini è tutto fuorchè una copia di quei modelli: le figure umane sono sempre molto articolate, colte in posizioni che testimoniano una conoscenza dello scorcio, della figurazione prospettica, addirittura di una cultura da comics, da fumetto; la carta non è certo elemento antico, e molti particolari del paesaggio di fatto mostrano la loro ascendenza alla rappresentazione contemporanea, e soprattutto, a proposito di quella narrazione che vediamo raccontata nello spazio, e di cui riconosciamo frammenti appartenenti alla prime scritture mitologiche dell'umanità  - il roveto, ad esempio, o le acque distruttrici e infine raccolte, domate... -, percepiamo un' «atmosfera mitologica », ma non un mito vero e proprio, non il riferimento filologico a questa o quella narrazione dell'infanzia dell'umanità . Così, l'opera di Pellegrini cambia improvvisamente fisionomia, e diventa una costruzione intellettuale con un movente passionale. Ecco allora che accanto a quei riferimenti ne troviamo molti altri, che accrescono la complessità  del lavoro. Troviamo la nostalgia della purezza che è stata di un William Blake, magari assieme a un pizzico di semiologia del romanzo alla Umberto Eco, una vaga ammirazione per le forme di Aubrey Beardsley assieme ai paesaggi da science fiction di Moebius, e molto altro: il risultato è, come si è detto, un'atmosfera mitica senza che ne vengano copiati pedissequamente gli stilemi.

  Terzo passo. L'azione di Pellegrini è dunque colta e concettuale, ma è anche partecipata, sentita. Per un pittore, la scelta di indagare l'originarietà  della narrazione per immagini si può svolgere mettendo in scena un citazionismo più o meno colto, oppure cercando di entrare nei meccanismi del linguaggio germinale. La prima opzione presuppone una conoscenza che sfiora l'erudizione, la seconda una specie di immedesimazione che va oltre la conoscenza: a prima vista sembra che Pellegrini ci mostri la cultura del passato, ma di fatto siamo di fronte al culto dell'originario.  

  A proposito, KRN è la radice di parole che sono giunte sino a noi, come 'cranio', o come 'corno', e forse anche 'cerebro': tutte hanno a che fare con la sede dell'intuizione e dell'intelligenza.

 



Franco Fanelli

 

  In una fase, come quella attuale, caratterizzata dalla nuova apertura del dibattito sulla riproducibilità  e sulla divulgazione dell'iimmagine alla luce delle nuove tecnologie (dal video alla net-art, passando attraverso una ridiscussione dello stesso concetto di 'grafica d'arte'), Simone Pellegrini si colloca in una posizione singolare. E' una posizione pericolosa, perchè priva dei 'filtri'   e   delle protezioni fornite da uno 'stile' riconoscibile come 'attuale' e spendibile come cifra omologata.

 Nè si tratta, al di là  delle apparenze, di un ingenuo ripescaggio della figura del 'pictor faber' così com'era stata riproposta dalle correnti neoespressioniste negli anni Ottanta: siamo semplicemente di fronte a un autore che non ritiene annullato il valore dell'arte come atto legato a una primarietà  del fare; nel caso specifico, quella primarietà  è il segno, prodotto di una concatenazione di archetipi mentali e culturali. Il segno, il graffito o l'impronta sono i veicolo della narrazione di apologhi di valore universale e, ancora, radicati in una primarietà  espressa attraverso simbologie e 'storie' (quelle di una 'pre-Arcadia' i cui principali abitatori sono l''homo salvatico' e un bestiario a forte densità  allegorica ¬ ma qui ci vorrebbe un'altra pagina, affidata a un iconologo).Le 'historie' di Pellegrini rimandano all'idea di mito 'genuino', per citare Furio Jesi, e come tale capace di creare un contatto con 'un passato tanto remoto da poter essere identificato come eterno presente'(1).

 Ancora Jesi ha indicato nell'equilibrio Å’umanistico 'tra coscienza e inconscio' gli indizi della presenza del mito 'genuino'; ecco allora che, in Pellegrini, questo equilibrio si rivela laddove gli strumenti retorici per reinstaurare quel dialogo tra passato e presente sono 'naturalmente' coerenti con l'epifania di immagini che sembrano scaturire da un remoto e incancellabile flusso di memoria: figura archetipa   e forma per la creazione 'collettiva' di immagini è la   matrice, lavorata e utilizzata come 'madre'   di tipologie di segni-impronte portatori di forti densità  materiche, e   di iconografie portatrici della non meno densa simbologia racchiusa nel racconto (2); forma (e figura) allegorica è il supporto cartaceo: il lavoro e le immagini che lo istoriano come in un misterioso palinsesto lo trasfigurano in mappa figurata. I percorsi tracciati nelle carte di questa mitografia sono quelli di una fiaba (un archetipo culturale prima ancora che letterario) che racchiude, in profondità , ulteriori itinerari, diretti verso i territori in cui la visionarietà  è rivelatrice di verità .

1 F. JESI, Letteratura e mito, Torino, 1968

2 Sulla 'mater-matrice' e sul concetto di impronta come 'alba delle

Immagini', cfr. A. LEROI-GOURHAN, Le geste et la parole. La mèmoire et les

rythmes, Parigi, 1965 e G. DIDI-HUBERMAN, L ¹empreinte comme paradigme: une

archèologie de la ressemblance, in L'Empreinte, catalogo della mostra,

Centre Pompidou, Parigi, 1997





Alberto Zanchetta

 

  Nel logaritmico albero dell'arte la pittura afferra un 'virgulto d'oro' [Poussin dixit après Virgilio] che gli artisti hanno incrinato fino a spezzarlo. La fronda, che i rabdomanti hanno accolto come un valido compromesso, è stata sovente razziata dei suoi frutti, scorticata per un eccesso di avidità . Chi come Tantalo ne ha tradito i principi è stato logorato dai morsi della fame e della sete, Pellegrini ricongiunge invece i rami alle radici trovandovi niuovo sostentamento (regressus ad originem'¦ progressus ad futurum).Nonostante dell'oro trafugato sia rimasto soltanto del giallo, il nero si è mantenuto nigredo dipanando l'infanzia del mondo in tenebris, nel primigenio vagito della figurazione. Ma più che i cani, più che i cavalli, Pellegrini stana le lepri, i presagi di sventura e ogni simbolo della moltiplicazione o del nomadismo per farne prodromo/puerperio alle memorie del sottosuolo - un ipogeo che permetta di infilare le braccia nei pertugi della magistra vitae, cercando e non trovando [Erkenntnisinstrument]. Quale la colpa? quale l'espiazione? Senza circostanze attenuanti, senza requie, un'audace rovina li investe: tracimano le acque, il rosso sangue gronda dai corpi nell'alterco sine tempore di copule e di collutazioni, di chi ama e si percuote le membra, assistendo al precipitato delle foreste che squarciano e divorano le selve di fichi, i muschi e i rovi: Come greve mugghio, questa è l'opera di Simone Pellegrini.

 

 

 

 

Sandro Parmiggiani

L'universo allucinato di Simone Pellegrini

 

La macchina mitologia gira perennemente in cerchio.

Furio Jesi

 

  Spira, nelle opere di Simone Pellegrini, il vento di un universo allucinato. Persone, animali, piante, minerali, si ammassano e si concentrano, sospinti da un impulso interiore cui non si può resistere e attratti da una forza magnetica a noi sconosciuta. Mettono in scena, questi reietti abitatori di una terra inospitale, una rappresentazione - c'è, in Pellegrini, un'evidente "vocazione teatrale", subito manifesta nella sua stessa idea di spazio pittorico - che ha l'arcaico sapore e l'energia vitale del mito e del rito, e che pare il sinistro annuncio di una barbarie, di una condizione ferina dell'umano, che non sappiamo se essere immagine evocata da un passato remoto o visione di ciò che ci aspetta dietro l'angolo della storia. Davanti a noi, impegnati in danze macabre e blasfeme, o in sforzi che tendono fino al parossismo muscoli e corpi, quando le tempie battono e il sudore si fa sangue, ecco persone impegnate nei gesti primitivi dell'economia di sussistenza - la semina, lo sradicamento di arbusti, l'allevamento o la caccia ai conigli e alle anatre -, a fare girare una macina, a scavare buchi, a trascinare animali riottosi, a tenere lontani da sè cani dell'inferno, a lottare l'uno contro l'altro o contro la furia di qualche fiera, a congiungersi carnalmente in tutte le posizioni, in una sorta di ebbrezza, di stordimento di tutto dimentico - sembrano, talvolta, questi amplessi, coinvolgere anche gli animali e i vegetali, e pare esserci, qua e là , anche l'evocazione dell'infelice condizione delle donne chiamate streghe. Ogni cosa pare in preda alla metamorfosi, a un divenire magmatico e incontrollato, in cui il vuoto tende a scomparire e tutto s'avvinghia e s'unisce a qualcosa d'altro: piante spuntano dalle teste delle persone e dai dorsi dei cavalli; fiamme ardenti si sprigionano da altre teste; uomini indossano maschere di teste d'equini - è arduo dire se saranno in grado di togliersele o se dovranno rassegnarsi alla loro nuova condizione... Si respira, ovunque, una tensione alla mutazione, all'ibridazione. Il brulicare, l'affollamento di forme e di eventi non è limitato alla superficie della terra, quella abitualmente visibile ai nostri occhi: dentro il suo ventre, ecco aprirsi fessure, ovuli, ampolle, stanze segrete, in cui Pellegrini ci mostra il perduto incanto della struttura delle radici di una pianta o il ripetersi, nelle prigioni dell'abisso, in questo mondo capovolto, delle stesse azioni segrete, degli stessi riti inconfessabili, che la luce dei giorni conosce. C'è, in questa sorta di barocco primitivo e parossistico di Pellegrini, un orrore del vuoto, non solo materiale, ma spirituale - Antonin Artaud, ne Il teatro della crudeltà , parla dell'"infinito del vuoto", dei "buchi del vuoto sempre più incommensurabili", e in una poesia inedita del 1947 dice: "Lo spazio vuoto dell'infinito / senza sopra / nè sotto /è un crimine. Giacchè c'è il mio corpo / a cui tutto s'appiglia   / e deve avere inizio. / Fare il vuoto / è negarlo / quando è sempre stato là ".

  Tutta l'opera di Pellegrini è pervasa di un'intima, profonda coerenza tra materiali, procedimenti di costruzione dell'opera e immagini rappresentate. Le carte su cui l'artista realizza i suoi incunaboli, i piccoli disegni che sono le "matrici" delle opere di più vaste dimensioni, o gli stessi lavori più grandi, ottenuti appunto attraverso l'impronta rovesciata di alcune di quelle tessere di base variamente combinate, recano i segni di piegature, slabbrature, fratture, lacerazioni, sommarie congiunzioni, impronte digitali, oltre che delle essudazioni dell'olio che è intervenuto per rendere possibile il trasferimento dell'immagine. Sono pervase, queste carte, delle tracce di una faticosa, perigliosa attraversata del tempo, durante la quale hanno conosciuto imboscate, aggressioni e oblii. Il lavoro di Pellegrini si fonda su due distinti elementi, spesso fusi e integrati, nonostante si reputi generalmente che essi siano inconciliabili: la semplificazione delle forme - pensiamo ai segni grafici essenziali, segmentati, con cui vengono resi gli alberi nelle loro parti costituenti di tronchi, rami e radici, che li fanno così spesso sembrare "alberi della passione", o ai tratti dei corpi - e l'intrico, l'ossessione della visione, ottenuti attraverso l'iterazione, l'accostamento ripetuto, talvolta spasmodico, di alcune di quelle forme di base - si pensi a come Pellegrini costruisce e rappresenta i suoi boschi. Ciò è, del resto, connaturato alle stesse modalità  di disegnare e dipingere cui ampiamente ricorre l'artista: nelle opere complesse, la raffigurazione degli elementi costitutivi - corpo, animale, albero, roccia - viene ottenuta per calco da un foglio precedentemente disegnato - con, come già  abbiamo detto, un'inversione dell'immagine originaria, quale si ha in un negativo fotografico. Insomma, Pellegrini appronta delle tessere di base che variamente combina, considerandole come "mattoni", forse come carte "da gioco" - s'intravede, nella sua opera, anche un sottile piacere ludico... -, che possono appunto essere disposte in sequenze variabili. C'è, dietro questa pratica, sia un artificio linguistico che evoca, attraverso la struttura semplificata dell'immagine, in un qualche modo posta fuori dal tempo, la sua "sacralizzazione" - non si interviene a modificare un'icona che pare emergere dal grembo della storia... -, che una sorta di volontà  di costringere opere complesse, quali sono le sue di grandi dimensioni, dentro la gabbia della somma di elementi di base, come del resto avviene nel vivente, esito di un sistema che si costruisce attraverso molecole, cellule, organi, apparati.

  Come ci ha avvertito certa psicanalisi, c'è un nesso profondo tra lo slegare - in Pellegrini c'è, da un lato, la rappresentazione di funi che legano, opprimono, e, dall'altro, l'estrema, ebbra libertà  di certe forme, sole o combinate, felicemente sciolte - e una sorta di delirio che tutto arriva a intridere. La moltitudine, l'affollamento nelle opere dell'artista - nelle quali alla semplicità  delle forme degli elementi costitutivi fa da contrappunto il brulichio delle singole immagini accostate l'una all'altra - ci rinvia di nuovo ai testi di Artaud, che amava tanto il termine italiano di affollata, convinto, tra l'altro, che "il corpo è una moltitudine affollata", e che i corpi non siano "anatomici" ma "atomici". Nelle opere di Pellegrini si ritrova quest'idea di un movimento perenne, di un errare senza sosta e senza pace sulla terra che è specchio di forze invisibili che sono nel creato e che premono dentro il corpo: ecco che si sviluppano energie incontrollabili, ecco questa tensione, questo confine tra ciò che è legato e ciò che è slegato cui continuamente si tende, fino a varcare il limite e ad inoltrarsi verso un ignoto in cui forse risiede la verità  profonda del nostro essere.

  C'è, infine, un'ulteriore suggestione da Artaud che i lavori di Pellegrini mi suggeriscono: lo scrittore francese credeva che le parole dovessero decomporsi, liberare il loro humus, che ha una sua forza di contagio - ecco la peste delle parole... -, affinchè esse potessero ridiventare attori sulla pagina, che è anche teatro, con il lettore che si fa protagonista di una lettura in movimento. Nelle opere di Pellegrini c'è la stessa idea di messa in scena dei segni e delle forme, e il trasferimento del disegno di base è in fondo una sorta di contagio, è una peste che prolifera nell'opera, evocata da un occhio vorace che coglie il movimento, l'energia, la tragedia che sono il mondo. Forme, viluppi, slanci paiono volere fuggire dalla carta su cui sono stati tracciati dall'artista per venire verso di noi: le rotture, le discontinuità , le frammentazioni che Pellegrini ha rappresentato sono in fondo lo specchio del mondo di oggi, e non sono affatto rassicuranti, giacchè noi stessi - come gli attori da lui messi in scena - ci sentiamo prede di un meccanismo infernale - la violenza, la guerra, la quotidiana macelleria - di cui non riusciamo a spezzare le catene.

  Davanti alle opere di Pellegrini, alla sua maestria di disegno e di composizione, viene spontaneo pensare ai graffiti rupestri e delle caverne, alle cartografie delle città  medievali, a tutta una pittura "primitiva", italiana e fiamminga, fino a certa grafica russa del primo Novecento e ai deliri e alle ossessioni del moderno - le inquietudini di Alfred Kubin; l'eccesso, la corruzione e la degenerazione delle forme, e la loro ricreazione perpetua nei disegni di Antonin Artaud. In un gioco continuo di "false rozzezze", e di "finezze mascherate da negligenze" - come diceva Jorge Luis Borges dei versi del poeta americano Carl Sandburg - il disegno torrenziale di Pellegrini pare avere travolto e preso la mano al suo stesso autore, che ci catapulta in un mondo di fango e di detriti che assume, quasi materialmente, nella carta e negli aloni lasciati dall'olio, il volto di un deposito alluvionale dopo un'inondazione. Il veleno di piombo che Pellegrini ha sparso sulla carta lacerata e ferita diventa la linfa, il sangue di una condizione umana così lontana eppure così vicina alla nostra, nella quale ciò che ci circonda è "naturalmente" nemico, in una terra desolata abitata da corpi che sono le gabbie di anime ormai annichilite.

  Ci sono, quasi sempre, nelle opere dell'artista, gorghi che soffocano, viluppi che afferrano e stringono corpi, linee che cingono d'assedio la visione, attrazioni fatali mosse da una misteriosa forza di gravità , ma talvolta anche radure di un'apparente serenità , di un idillio che non osa dirsi. Quest'ossessione per le forme chiuse, quest'eterno girare in cerchio sono, del resto, la geografia, il tempo e la simbologia profonda del mito, che vive di una sua circolarità  e di un eterno ritorno, che libera il suo humus, che si attualizza e modifica il suo stesso senso, ogni volta che viene raccontato, rivisitato nella memoria e ricollocato nel tempo.

  Ci inquietano, le opere di Simone Pellegrini, che solo a prima vista ci parlano di un'epoca arcaica, ma che in verità  appartengono a un tempo sospeso, quello in cui la dissimulazione dell'agire umano più non è possibile. Oggi le nostre appartenenze, siano esse banalmente di luoghi o più sottilmente di identità  culturali, sono messe in discussione - non possiamo che sentirci dei profughi, come aveva colto Emilio Tadini. Il mondo si va riempiendo di colori e di volti nuovi, ma anche di quotidiani orrori, di carnefici incappucciati, di un sangue che cancella e annulla ogni vuoto. Anche nella nostra vita di fortunati che vivono nella parte "giusta" del mondo irrompono, s'intrecciano e si sovrappongono uccisioni, spietatezze e umiliazioni di fronte alle quali i divertissement artistici dell'orrore di simbolisti e surrealisti ci paiono del tutto spuntati, quasi rassicuranti. Sembra, Simone Pellegrini, ricordarci qualcosa che non vogliamo sentire, tanto enorme è il peso di quel sapere, di quell'avere addosso la vertigine che si prova sull'orlo di un abisso che chiama, di una verità  che non osiamo confessarci: come ha scritto Renè Girard, la cultura umana è universalmente "votata alla dissimulazione perpetua delle proprie origini nella violenza collettiva". Pellegrini ci ricorda quel lontano fardello che, in una sorta di ruota circolare del destino, ritorna inesorabile. Eppure, la consapevolezza di una disperazione senza fine può essere l'epifania di una possibile speranza.