Navigation: Home Artisti MOON Beth
MOON Beth
   
   

   

.

.

MOON_Beth_Shebehon_Forest_ed.9

MOON Beth 'Shebehon Forest'

stampa al platino palladio ed.9

.

.

B E T H  M O O N

 

 

 

Tempo, memoria e natura sono i temi centrali delle immagini fotografiche dell’artista americana Beth Moon. Sia che immortali maestosi alberi di Baobab per la serie Portraits of Time, sia che catturi lo strano equilibrio tra l’innocenza dell’infanzia e le ombre più oscure della natura in Thy Kingdom Come, Beth Moon rivela un’attenzione magica e istintuale per il modo in cui il tempo, la memoria e la natura concorrono nel far comprendere all’uomo il proprio posto nell’universo.

   

   

   

MOON_Beth_Seen_but_not_heard_III_ed.5

MOON Beth 'Seen but not heard III'

stampa al platino palladio ed.5

   

   

   

Beth Moon nasce a Neenah (Wisconsin) nel 1956 e studia Belle Arti presso l’Università del Wisconsin. Le lezioni di pittura, disegno dal vero, scultura e design creeranno le basi per il lavoro fotografico, che arriverà più tardi. Trasferitasi in Inghilterra, paese che vanta la maggiore concentrazione di alberi secolari, decide di dedicare a questi una serie di ritratti. Insoddisfatta delle tonalità risultanti dalla stampa a getto d’inchiostro, Moon inizia a stampare lei stessa le proprie fotografie, sperimentando processi alternativi e approdando infine all’antica tecnica al platino/palladio.

 

Come lei stessa scrive Utilizzando il più stabile e duraturo processo di stampa, lavoro alla sopravvivenza, non solo dell’uomo e della natura, ma della fotografia stessa. Per ogni stampa mescolo platino e palladio, creando una tintura che stendo a mano su carta cotone a trama grossa, che espongo poi alla luce. Ci sono molte fasi prima di arrivare all’immagine finita e queste sono per me importanti quanto lo scatto fotografico. Beth Moon

 

Una stampa al platino palladio può durare per secoli. Questa scelta dunque vuole segnare una sorta di continuità tra quello che è il soggetto della fotografia ed il processo per realizzarla. Il lavoro di Beth Moon è stato oggetto di numerose mostre personali e collettive in musei e gallerie d’arte di tutto il mondo, ricevendo sempre il plauso della critica.

 

   

   

MOON_Beth_Three_Figures_stampa_al_platino_palladio_cm.76x56_ed.25

MOON Beth 'Three Figures'

stampa al platino palladio cm.76x56 ed.25

   

 

 

     

 

'Nobili processi nell’epoca del digitale'                                                                                                                      

 

Il tramonto del 21^ secolo ha visto un boom senza precedenti nell’industria della fotografia, grazie in larga parte ai vantaggi commerciali delle nuove tecnologie dell’immagine digitale e grazie all’innalzamento dei prezzi nelle case d’asta. Lo scatto digitale sta sostituendo la pellicola; la carta ai sali d’argento sta scomparendo. I vecchi processi stanno lasciando il posto alla convenienza della camera oscura rappresentata dal desktop del computer.

Perché i conoscitori della fotografia rifiutano di diventare parte di quest’industria che sta trasformando l’arte in comodità? Vorrei citare John Stevenson, il quale ha un’esperienza di oltre 25 anni nella stampa al platino palladio: “E’ perché quella fotografia ha più dimensioni ancora largamente inesplorate, una maggiore gioia. Si realizza quando andiamo oltre il semplice guardare ad un’immagine, quando guardiamo il farsi di una meravigliosa espressione dell'immagine. Quando andiamo oltre l’occhio del fotografo, e arriviamo alla sua mano”.

John coniò questa frase per un’esposizione che includeva stampe al platino palladio, presso la sua galleria di New York, intitolata “Nobili processi nell’epoca del digitale”. Alcune delle fotografie presenti a quella mostra erano parte di una serie di ritratti di alberi secolari, intitolata “Portraits of Time”, che iniziai oltre 13 anni fa.

 

 

Per me la risposta è sempre stata l’arte. Le fotografie hanno la capacità di bypassare la retorica della parola scritta, andando direttamente al cuore. Credo che fare fotografia sia solo l’inizio di un lungo processo in cui ogni passo è allo stesso modo importante. L’aspetto del tempo, alcuni alberi hanno oltre 4.000 anni, è stato quello che mi ha incuriosito. Mentre fotografavo questi alberi imparavo molto di più della loro storia e prendevo coscienza del fatto che molti dei nostri più vecchi alberi stanno scomparendo ad una velocità preoccupante, e quindi era importante catturarli in una pellicola, per i posteri.

Con la stampa al platino, un processo nato per l’arte, ma che fu usato anche dalla scienza per la sua bellissima luminosità e per la sua ampia gamma tonale, l’assenza del legante permette ai cristalli di platino di essere assorbiti dalla carta, dando quindi una sembianza di tridimensionalità. Senza rivali tra gli altri processi di stampa, il platino è, come l’oro, un metallo stabile. Una stampa quindi può durare per migliaia di anni, emulando l’età degli alberi che ho fotografato. Ogni metodo di stampa ha la sua eredità, come stile. La stessa stampa ai sali d’argento da negativo sarebbe molto diversa se tradotta al platino palladio e quindi è importante scegliere il medium migliore per esprimere uno stile. Per me tale scelta arriva alla fine di una lunga serie di scelte.

Stampare al platino (e/o con il palladio, il suo elemento fratello) tende ad essere un processo di epurazione. Dati il tempo e le risorse necessari per produrre un’immagine, solo le migliori vedranno la luce. Per me questo processo diventa quindi un modo per rallentare il processo creativo. Ogni passo ha bisogno di un’attenta contemplazione, senza distrazioni. Un alto livello di concentrazione e ritmo è molto importante perché il lavoro fluisca.

Utilizzo una macchina fotografica di medio formato e ancora preferisco la pellicola nonostante abbia incominciato ad utilizzare una fotocamera digitale.

Il processo al platino/palladio dà tonalità che vanno dal nero carbone, ai grigi neutri, al seppia intenso. Il colore è controllato dall’umidità. Prima che la carta sensibilizzata sia esposta alla luce che passa attraverso il negativo, viene messa in una scatola per l’umidificazione. Si tratta di un contenitore impermeabile con una grata di plastica sostesa sull’acqua sulla quale stanno stese le stampe.

Anche la scelta della carta è essenziale. Utilizzo la Arches Platine, una carta per acquerello cento per cento cotone con un collante naturale che viene prodotto uguale in Francia dal 1492. Stampare a contatto vuol dire sostanzialmente che hai bisogno di un negativo della stessa misura dell’immagine che vuoi produrre. In passato ci sono stati diversi modi per ottenere questo risultato, ma molte delle pellicole utilizzabili per questa tecnica sono diventate obsolete, e i negativi portano ad un risultato di bassa qualità. I metodi di stampa del 19^ secolo, uniti alle tecnologie del 21^ secolo, portano a perfezionare entrambi i processi.

In un mercato che dà grande valore ai lavori 'archival', la lotta crescente tra arte mercato e tecnica può essere superata solo con un lavoro realizzato con grande impegno e concentrazione. I risultati finali assicurano una soddisfazione che viene dalla libertà dell'autore di operare scelte durante la realizzazione, mediante l'uso di materiali che ti consentono di essere fedele ad una tua 'visione' e di esprimere la tua poetica in una fotografia.

.

                                                                                                                                                                                                                Beth Moon

   

   

   

MOON_Beth_Way_of_the_hare_III_stampa_al_platino_palladio_cm.76x56_ed.25

MOON Beth 'Way of the hare III'

stampa al platino palladio cm.76x56 ed.25

.

.

.

.


EXHIBITIONS / EVENTS 2016 

.


Verve Gallery of Photography, Santa Fe, New Mexico
3 Person Show
Private Reception: Thursday, December 1, 2016, 5:30-7:00pm
Public Reception: Friday, December 2, 5-7pm

.


Gallery Talk and Book signing for Ancient Skies: Saturday, December 3, 2pm

Louisiana Art & Science Museum, Baton Rouge, Louisiana
Solo Exhibition
August 6 – November 27, 2016

.

The Center for Photographic Arts, Carmel, CA
Solo Exhibition
April 23 through June 4, 2016
Artist talk: April 23rd at 4 pm
Public Reception

.

.


PAST EVENTS – SEE PHOTOS OF PAST EVENTS

.

Exhibition August 8 – August 30

SP / Arte / Foto – Sau Paulo, Brazil
August 21 – 25

MIA&D Singapore Art Fair, Singapore
October 23 – 26

.

.